22513
page-template-default,page,page-id-22513,theme-stockholm,cookies-not-set,qode-social-login-1.1.3,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.1,woocommerce-no-js,select-theme-ver-5.1.8,ajax_leftright,page_not_loaded,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
Title Image

Glossario

A – Acqua dolce

L’acqua è un composto chimico di forma molecolare (H2O) costituito da un liquido incolore e insapore.
Essa contiene moltissime sostanze disciolte.
All’acqua è dovuta la vita sul nostro pianeta infatti è tra i principali costituenti degli ecosistemi.
In natura non è mai pura infatti contiene al suo interno molte sostanze disciolte (grazie alla sua capacità di solvente), e particelle in sospensione, la maggior parte delle quali microscopiche.
L’acqua presente in natura contiene un elevato numero di microrganismi, sia eterotrofi che autotrofi, rappresentati da alghe, protozoi, funghi e batteri che costituiscono la microflora autoctona dell’acqua.

Acqua marina

L’acqua marina dà vita ai mari e oceani in cui sono presenti innumerevoli sali disciolti.
L’acqua marina è la più importante e completa acqua minerale esistente in natura, habitat naturale in cui i primi organismi viventi hanno avuto origine. Tutti gli organismi marini vivono in acqua salata che varia da luogo a luogo. Le attuali conoscenze riguardanti la composizione chimica dell’acqua di mare risalgono ad un periodo compreso tra il 1870 e il 1877, dalla spedizione inglese Challenger. Detta spedizione conferma la costante proporzione dei sali nell’acqua marina permettendo di conseguenza di calcolarne tutti i componenti. Si può concludere sostenendo che l’acqua marina in natura ha una costante composizione e quindi un ambiente molto stabile, fattore di vitale importanza per l’acquariofilia marina.
La peculiarità più evidente dell’acqua marina è la sua salinità che negli oceani comprende circa 35 grammi di sali per ogni litro. Il peso specifico dell’acqua marina dipende direttamente dalla salinità.
Si consiglia l’utilizzo di sale sintetico ricco di 68 oligoelementi Ottavi tropical-reef“.

Acqua osmotica

L’acqua osmotica è il risultato del passaggio della comune acqua di rubinetto attraverso una spirale microporosa la cui funzione è quella di trattenere attraverso i suoi pori tutti i sali disciolti nell’acqua. I batteri e i virus vengono rimossi lasciando passare solo le più piccole molecole d’acqua.
L’acqua osmotica può essere prodotta grazie all’utilizzo di un impianto di facile reperimento nei negozi specializzati. Si consiglia “Ottavi Osmosi 200”, un impianto che si basa sul principio dell’osmosi inversa.

Acidi umici

Gli acidi umici sono formati da sostanze naturali che si formano con la decomposizione di materia organica animale o vegetale.
L’utilizzo di acidi umici in acquario rallenta la crescita di aghe. Favorisce lo sviluppo di muco epiteliale da parte dei pesci e svolge all’interno dell’acquario un’azione batteriostatica e antimicotica.
Aiuta a mantenere stabile il ph in acquari d’acqua dolce. Gli acidi umici oscurano leggermente l’acqua ricreando in naturale habitat tropicale.

Anidride carbonica CO2

L’anidride carbonica è un ossido acido (anidride) costituito da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. Si tratta di una sostanza fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali.
Le piante in natura necessitano per la loro crescita di anidride carbonica (CO2) indispensabile per la produzione di composti organici utilizzati nel processo di fotosintesi. Quando un acquario ospita una grande quantità di piante, soprattutto a crescita veloce, l’anidride carbonica fornita dai pesci non è più sufficiente. In questo caso è importante utilizzare il kit “Ottavi CO2” per fertilizzare le piante che produrranno ossigeno per i pesci.

B – Batteri

Il regno dei batteri è composto da microrganismi unicellulari di dimensioni micrometriche e sono diffusi in tutti gli ambienti presenti sulla superficie del nostro pianeta.
I batteri costituiscono l’anello terminale di tutte le catene alimentari: tutte le sostanze organiche prodotte da animali e piante vengono alla fine decomposte in nuove sostanze inorganiche dai batteri.
I gruppi di batteri nitrificanti “Nitrosomonas” e “Nitrobacter” presenti in Ottavi bio-vit, favoriscono lo sviluppo di una notevole e ricca flora batterica nel filtro dell’acquario.
L’utilizzo di batteri “buoni” impedisce l’accumulo di nitriti e ammoniaca in acquario.

C – Conducibilità dell’acqua

Il valore di conducibilità dell’acqua ci comunica la quantità dei sali minerali disciolti nell’acqua. La conducibilità si misura in microsiemens (µS). La conducibilità elettrica dell’acqua è un valore che è indicato anche sulle etichette delle acque minerali in commercio. La conducibilità è variabile a seconda della temperatura.
I pesci d’acquario richiedono una quantità limitata di sali disciolti nell’acqua.
Per quantificare il valore preciso dei sali presenti si misura con un piccolo apparecchio elettronico dotato di uno spediale elettrodo da immergere nell’acqua a seconda della resistenza che l’acqua frappone tra la corrente che passa da un polo all’altro dell’elettrodo, il test indica la conducibilità cioè la capacità di permettere il passaggio di corrente elettrica.
L’acqua osmotica ha una conducibilità pari a 0. I valori dell’acqua in un
acquario d’acqua dolce sono legati al metabolismo delle piante e dei pesci:
ione ferroso, magnesio, nitrito, fosfato, nitrato e calcio, tutte sostanze che contribuiscono alla conducibilità dell’acqua. Il valore medio di conducibilità in un acquario d’acqua dolce si aggira intorno ai 450 µS/cm.
Un alto valore di conducibilità nuoce gravemente alla salute dei pesci ed è per questo che si consiglia l’utilizzo di acqua osmotica “Ottavi osmosi 200”.

Colloidi

I colloidi sono miscugli costituiti da particelle solide o liquide, con diametro compreso tra 5 e 200 nm, disperse in un fluido (liquido o gas).
Molti materiali comuni sono in realtà dei colloidi, basti pensare: alla maionese, al burro, alla panna, al latte, ecc.
I colloidi sono molto comuni anche nel mondo organico. Sono infatti da considerare dei colloidi: il citoplasma delle cellule, la gelatina, l’albume dell’uovo, i budini.
Le soluzioni colloidali in base alla loro consistenza possono assumere aspetti sensibilmente diversi, nel mondo degli acquari si presentano in modo gelatinoso. L’utilizzo sistematico di Ottavi aqua-vit, un biocondizionatore arricchito con aloe vera, polimeri sintetici e colloidi, permette di proteggere la mucosa e l’apparato digerente dei pesci.

Cloro

Il cloro è una sostanza chimica utilizzata per la depurazione dell’acqua.
E’ un elemento naturale che in natura si trova soltanto combinato con altri elementi, soprattutto sodio in forma di sale comune (NaCl). Il cloro è una sostanza disinfettante presente nell’acqua di rubinetto. Nell’allestimento di un nuovo acquario o nei cambi parziali d’acqua è necessario neutralizzarlo velocemente perchè può arrecare gravi irritazioni alla mucosa protettiva dei pesci.
Ottavi cloro-cid è un biocondizionatore studiato per l’eliminazione del cloro in acquari e tartarughiere.

Carbone attivo

Il carbone attivo è un materiale costituito principalmente da carbonio amorfo e avente una struttura altamente porosa. Il carbone è un combustibile estratto da miniere sotterranee o prodotto artificialmente.
Il carbone è il risultato della trasformazione di residui vegetali, alterati chimicamente e trasformati dal calore e dalla pressione nel corso dei millenni.
Il carbone ha un elevato grado di capacità assorbente. Utilizzato in acquario, elimina sostanze organiche, residui di medicinali e di mangime. Un prodotto di buona qualità non altera il valore ph dell’acqua ed è privo di fosfati.
Può essere utilizzato sia per acquari d’acqua dolce che d’acqua marina. Nel caso si debba intervenire nell’acquario con prodotti curativi o additivi di qualsiasi tipo, si consiglia di rimuoverlo per evitare l’assorbimento dei prodotti disciolti.

Carbone iperattivo

Il carbone iperattivo si presenta genericamente in granuli. Rispetto ad un altro carbone attivo ha un’azione più potente e rapida con una più elevata capacità di assorbimento e una durata maggiore rispetto al carbone attivo.
E’ indicato soprattutto per ottenere acqua di riproduzione, per il mantenimento dei pesci particolarmente sensibili e per acquari molto popolati. Ottavi iper-pur è un filtrante a base di carbone attivo in granuli adatto sia per acquari d’acqua dolce che per acqua di mare.

D – Durezza dell’acqua:

Durezza totale GH

Il GH è il valore che determina la concentrazione di sali di magnesio e di calcio disciolti nell’acqua, più comunemente detto “durezza totale”. Gran parte dei pesci tropicali d’acqua dolce vive in ambienti con un grado di GH che oscilla dai 2° ai 10° (valore ideale).

Durezza temporanea KH

Il KH è il valore che determina la quantità di carbonati disciolti nell’acqua, più comunemente detto “durezza temporanea”. Determinare questo valore è di fonramentale importanza considerando che i sali carbonatici sono instabili e possono variare repentinamente il ph dell’acqua. Gran parte dei pesci tropicali d’acqua dolce vive in ambienti con un grado di KH che oscilla dai 2° ai 5° di KH (valore ideale). Innalzandosi la durezza, quindi, anche il grado di ph aumenta divenendo così dannoso per i pesci.

F – Fibra sintetica

Fa parte di una famiglia particolare di poliammidi sintetiche. La fibra sintetica di Perlon si adatta perfettamente al filtraggio meccanico in acquario, ha la peculiarità di essere inerte, assolutamente atossica e neutra e quindi non altera il ph dell’acqua. Mantiene la sua sofficità anche durante il filtraggio e può essere usata per molto tempo. Ottavi fibra-pur è adatta sia ad acquari d’acqua dolce che di acqua marina.

Fosfati

Dal simbolo chimico PO4, i fosfati consistono in un atomo di fosforo centrale circondato da quattro atomi di ossigeno che danno vita ad un tetraedro.
Nelle acque non inquinate i fosfati sono assenti. La loro presenza è dovuta all’inquinamento da concimi e dal degrado organico in genere.
I fosfati sono importanti per la crescita delle piante in acquario ma vengono monitorati per evitare lo sviluppo di alghe. L’accumulo dei fosfati si può contrastare con l’utilizzo di uno schiumatoio e di resine specifiche.

N – Nitriti

I nitriti sono anioni composti da un atomo di azoto e due atomi di ossigeno. La loro formula chimica è NO2. I nitriti hanno origine dalla decomposizione biologica dell’ammoniaca. Nell’acquario, come in natura, i batteri elaborano gli escrementi e le altre scorie organiche trasformandole in sostanze inorganiche. Il ciclo biologico che ne deriva ha inizio dall’ammoniaca prodotta dalle sostanze organiche che si trasformerà in nitriti per ultimare poi il ciclo in nitrati. Un contenuto elevato di nitriti è indice di incompleto ciclo di trasformazione da parte della flora batterica e di un eccessiva presenza di scorie. Un’elevata concentrazione di nitriti è tossica per la fauna acquatica comportando una diminuzione del tasso di ossigeno presente nel sangue dei pesci. Il valore ottimale per la presenza dei nitriti non deve superare una concentrazione pari a 0,5 mg/lt.

Nitrati

Lo ione nitrato è un importante anione poliatomico. I nitrati sono il risultato della decomposizione biologica dei nitriti attraverso i batteri presenti nel filtro e nel fondo dell’acquario (nitrobacter). I ceppi batterici nitrificanti “Nitrosomonas” e “Nitrobacter” agiscono biologicamente sull’acqua e ne condizionano il contenuti di nitriti e ammoniaca in maniera positiva per i pesci d’acquario. Spesso si verificano degli eccessivi sviluppi di alghe; la crescita incontrollata di queste è dovuta alla cattiva qualità dell’acqua (eccessivo accumulo di nitrati).

O – Ozono

L’ozono è una forma allotropica dell’ossigeno, non può essere conservato e deve essere prodotto al momento dell’uso. Dato il suo potere ossidante, l’ozono viene utilizzato per disinfettare. Viene prodotto facendo passare dell’aria a contatto di un elettrodo ad alta tensione. In questo modo una parte dell’ossigeno (O2) viene trasformata in ozono (O3). Gli apparecchi nei quali si realizza il processo sono chiamati “ozonizzatori” e la quantità prodotta dipende dalla polvere e dall’umidità presenti nell’aria.
Volendo utilizzare l’ozono in acquario, dobbiamo porre l’acqua a contatto con esso; ciò deve avvenire fuori dell’acquario in quanto oltre a un certo dosaggio l’ozono diventa dannoso o addirittura tossico per i pesci.

Ossigeno

Elemento gassoso, l’ossigeno è chimicamente rappresentato con il simbolo O. Esso è inodore e incolore e il più diffuso in natura infatti l’ossigeno è indispensabile alla vita organica e costituente principale dell’aria e dell’acqua.
La presenza dell’ossigeno in un ambiente circoscritto come l’acquario è di fondamentale importanza negli ecosistemi acquatici. La quantità di ossigeno in questi equilibri è la risultante del bilanciamento tra produzione e respirazione degli essere viventi presenti.
All’interno dell’acquario le piante svolgono una funzione fondamentale (fotosintesi) in quanto assorbono l’anidride carbonica e rilasciano ossigeno ed è per questo che si consiglia una abbondante presenza di piante che oltre a decorare l’acquario creano un ambiente ideale per la vita dei pesci.

Oligoelementi

In chimica un oligoelemento è un elemento necessario seppur in quantità minima per lo sviluppo e la crescita appropriata di tutti gli organismi.
Agisce sul metabolismo dei viventi
Il modo più semplice per arricchire l’acqua dell’acquario di oligoelementi è effettuare periodicamente cambi parziali d’acqua.
Se si dispone di un acquario marino è consigliato un regolare apporto mensile di oligoelementi nel caso venga applicato uno schiumatoio regolarmente funzionante. Ottavi tropical-reef è un sale marino sintetico di nuova concezione arricchito da 68 oligoelementi che si avvicina fedelmente alle caratteristiche dell’acqua di mare.

P – PH

Il pH è una scala di misura dell’acidità o della basicità di una soluzione acquosa. Si riferisce alla concentrazione idrogenionica di una data soluzione. La scala del valore ph è compresa tra 0 e 14. Più basso è il valore ph, maggiore sarà la concentrazione degli ioni di idrogeno nella soluzione ossia la sua acidità. Per quanto riguarda l’acquario d’acqua dolce, il valore ottimale del ph varia tra 6,5 e 7,5 secondo i pesci ospitati mentre nell’acquario d’acqua marina il valore ottimale varia tra 8,2 e 8,4.

T – Temperatura

Grandezza fisica, misurata dai termometri, che misura la capacità di un corpo di produrre sensazioni di caldo o freddo, cioè la sua capacità di scambiare calore con un altro corpo o con l’ambiente. Le basse temperature favoriscono negli esemplari l’insorgere di talune malattie mentre le alte temperature debilitano i pesci anche se sono in grado di arrestare lo sviluppo di certe infestazioni parassitarie o delle stesse fungosi.
In acquario la temperatura ottimale oscilla tra i 24° e i 26 °C. I pesci essendo animali eterotermi, dipendono dalla temperatura dell’ambiente in cui vivono. Temperature troppo elevate accelerano il sistema metabolico.

Torba

La torba è il combustibile fossile formato da un deposito di resti vegetale sprofondati e impregnati d’acqua che, a causa dell’acidità dell’ambiente, non possono decomporsi interamente
La formazione è dovuta all’accumularsi lento e continuo di residui vegetali in spaccature del terreno dove si raccoglie acqua e umidità e si realizzano determinate condizioni climatiche e ambientali.
L’utilizzo della torba in acquario è destinato ad acquari d’acqua dolce. Ricca di oligoelementi e acidi umici, ha la proprietà di abbassare la durezza dell’acqua e di renderla leggermente acida favorendo la stabilità del ph.

S – Sale

Nome usato correntemente per indicare il cloruro di sodio impiegato quotidianamente nella pratica domestica. L’acqua marina ha una composizione molto completta e l’equilibrio tra i vari componenti può influire sulla riproduzione dell’habitat marino. La salinità è dovuta all’evaporazione che sottrae acqua distillata agli oceani e vi rilascia i sali, all’apporto dei fiumi e dele rocce con cui l’acqua viene in contatto. Ottavi tropical-reef è un prodotto di nuova generazione composto da sostanze purissime e di prima qualità. Ottavi tropical-reef permette di ottenere in poche ore un ambiente idoneo per pesci e invertebrati marini, anche i più delicati, come i crinoidi. La perfetta miscela dei 68 oligoelementi, sali e sostanze chelanti, rendono Ottavi tropical-reef indispensabile per l’allestimento di nuove vasche, nei periodici cambi parziali d’acqua, nel periodo della riproduzione e nell’allevamento dei pesci.

U – UV

La luce ultravioletta è riprodotta da un’ampia gamma di sorgenti artificiali e naturali tra cui il più potente, il Sole. In acquario per ottenere il più basso possibile numero di batteri viene utilizzato un sistema di sterilizzazione UV. Detto sistema utilizza lampade che mettono raggi ultravioletti i quali hanno una lunghezza d’onda molto corta. I raggi UV sono altamente sterilizzanti
infatti sono anche utilizzati per potabilizzare l’acqua. Se orientiamo l’acqua di un acquario a ridosso di un intercapedine a contatto con raggi UV, possiamo distruggere la quasi totalità dei batteri in essa contenuta.
Le radiazioni UV non penetrano profondamente nell’acqua ed è per questo che vengono utilizzati degli accessori esterni all’acquario con un intercapedine minimo che si interfaccia con i raggi UV.

Z – Zeolite

Trattasi di un materiale naturale di origine vulcanica, dotato di una macro struttura molecolare molto regolare e di una elevatissima porosità che assorbe molecone e ioni di diversa dimensione sufficiente per neutralizzare silicati, nitrati, ammoniaca e nitriti.Ottavi triki-filter è un prodotto studiato appositamente per l’eliminazione di numerose sostanze tossiche tra cui l’ammoniaca, responsabile dell’ingiallimento dell’acqua.